depressione post-partum

La depressione post partum é un fenomeno che negli ultimi anni si dèi diffuso maggiormente raggiungendo circa il 15-18 %ddlle neomamme. Purtroppo è ancora un malessere trascurato e poco conosciauto e che, se non trattato, incide sul benessere del bambino, della mamma stessa e sulla qualità della loro relazione.

COS’È?

La depressione post partum si manifesta in genere nel secondo o terzo mese presentandosi con una sintomatologia piuttosto tipica. Le madri iniziano a sentire un’eccessiva preoccupazione ed ansia per i compiti che devono affrontare, percependosi incapaci nel loro ruolo. Dopo questa prima fase, successivamente compaiono irritabilità, astenia, indecisione, tristezza, perdita di interesse fino a giungere nei casi più gravi ad anaffettività. Possono presentarsi inoltre alterazioni dell’appetito e del sonno.
Nelle madri può facilmente insinuarsi il senso di colpa conseguente al non sentirsi in grado di occuparsi del proprio bambino e di non avere neanche il desiderio di farlo.
Il disturbo incide molto sul rapporto con il proprio bambino che, percependo l’aatteggiamento distanziante della figura materna, tende a ricercare ancora di più le cure diventando fonte di ulteriore stress.

COSA FARE?

È importante che le neomamme abbiano la possibilità di condividere i propri vissuti, anche quelli ambivalenti e distruttivi rivolti al neonato. Ciò permette di esprimere le emozioni più negative e inaccettabili ed accettarle, tenendo conto che provare tali emozioni può essere naturale in un periodo di forte stress e cambiamento.
Le neo madri devono ricordarsi che ci vuole tempo e pazienza per diventare delle “mamme”, e che in questo percorso si può sbagliare ma anche imparare cose nuove.