Come puoi raggiungere i tuoi obiettivi

Quante volte ti sei trovato a non riuscire a superare situazioni di vita insoddisfacenti, problemi, o momenti di impasse? Questo spesso dipende  dal fatto che si hanno obiettivi non ben definiti, troppo vaghi, astratti e irrealistici.
Per affrontare le difficoltà della vita e raggiungere i propri scopi è importante formulare obiettivi chiari e semplici. Per poterlo fare gli obiettivi devono possedere una serie di caratteristiche. Essi devono essere:

  • Specifici. È necessario essere precisi su dove, quando e con chi volete sentirvi o agire diversamente. Per esempio sarebbe più opportuno desiderare di essere preoccupati piuttosto che ansiosi prima di una presentazione sul lavoro e durante la presentazione darsi l’obiettivo di concentrarsi sugli ascoltatori piuttosto che su se stessi.
  • Positivi. Questo vuol dire imparare a definire i propri obiettivi in senso positivo incoraggiando se stessi a fare qualcosa in più anziché qualcosa in meno. Ad esempio invece che raggiungere l’obiettivo di diventare meno ansiosi si potrebbe pensare di voler acquisire più fiducia in se stessi. o invece di pensare di voler commettere meno errori impegnarsi  per diventare più attenti e presenti in ciò che si fa.
  • Osservabili. Quest’aspetto spiega quanto sia importante includere tra i propri obiettivi la descrizione di un comportamento da osservare in modo tale da sapere esattamente quando si è raggiunto l’obiettivo o a che punto si è del proprio percorso. Una riflessione che può aiutare a elaborare degli obiettivi osservabili è quello di pensare in base a quali elementi una persona, osservandoci dall’esterno, riuscirebbe a capire che ci sentiamo meglio.
  • Realistici. Elaborare degli obiettivi chiari, concreti e realistici e raggiungibili concentrandosi su mete alla nostra portata e che dipendono da un nostro cambiamento piuttosto che da quello degli altri. Ciò permette di rimanere motivati e concentrati verso il raggiungimento dell’obiettivo.
  • Tempo. quest’ultima caratteristica è molto importante perché permette di mantenere la concentrazione e l’efficienza nel perseguimento del proprio obiettivo. È importante infatti darsi un lasso di tempo durante il quale secondo noi potremmo riuscire a raggiungere l’obiettivo. Ad esempio, se l’obiettivo è riprendere l’attività fisica e ritornare in palestra, è importante definire per quanto tempo e quanto spesso si vuole farlo. Il tempo per poter raggiungere alcuni obiettivi puoi essere anche abbastanza lungo ed è fondamentale,quindi, essere consapevoli di questo. Inoltre è d aiuto non essere neanche troppo rigidi sulle tempistiche perché questo può creare sentimenti di tristezza e di rabbia e frustrazione di fronte alla mancanza del dei progressi. Per concludere, darsi delle scadenze è utile ma in maniera flessibile, rimanendo comprensivi e accoglienti con se stessi se non si riesce a rispettarle del tutto.
Come formulare bene gli obiettivi
Ora che sai come devono essere formulati gli obiettivi e quali caratteristiche è importante che abbiano, è necessario mettere in atto delle strategie utili a raggiungerli.
Per stabilire un obiettivo che riguarda il superamento di un problema che causa malessere emotivo, si dovrà, prima di tutto, definire il problema attraverso l’esplorazione delle emozioni, dei comportamenti dannosi e delle credenze alla base di questa situazione problematica.
Definire un problema vuol dire:

  1. studiarne le emozioni e i sentimenti ad esso connessi,
  2. capire qual è la situazione che ha scatenato lo stato d’animo spiacevole
  3. diventare consapevoli del comportamento e della reazione fisiologica che sentiamo quando si sperimenta l’emozione spiacevole.
Una volta riconosciuti questi aspetti, lo step successivo è decidere quali emozioni si vorrebbe provare al posto di quelle così spiacevoli e dannose che si stanno sperimentando.
Ad esempio, di fronte alla fine di una relazione invece che sentirsi depressi e feriti si può decidere di sentirsi tristi e delusi. A prima vista questo cambiamento non sembra molto confortante poiché tristezza e delusione sono sempre emozioni e sentimenti “scomodi”.  Ma di fronte ad una separazione essere tristi e  delusi è, da una parte, sicuramente meno dannoso che rimanere depressi, apatici, immobilizzati e vittime della situazione, dall’altra assolutamente adeguato e realistico. Sarebbe assolutamente irrealistico il contrario, ovvero sentirsi bene, felici o rilassati.
Dopo aver identificato il proprio obiettivo è importante capire come si vuole agire. Utilizzando il medesimo esempio, a seguito di una separazione una persona può decidere di riprendere il proprio lavoro, le proprie attività quotidiane e i contatti sociali oppure scegliere di deprimersi in casa guardando tv e mangiando. Il primo comportamento permette certamente una ripresa migliore dello stato emotivo e generale della persona permettendogli di raggiungere l’obiettivo di una nuova serenità.
L.obiettivo può essere formulato come segue:
“Sentirmi triste e deluso per la separazione dei mio partner e riprendere la mia attività sociale e lavorativa per avere nuovi stimoli e distrazioni e ritornare ad essere sereni.”

Strategie per mantenere alta la motivazione sugli obiettivi
Porre degli obiettivi e cercare di perseguirli in alcuni momenti può essere anche complicato e fonte di frustrazione perché in alcuni casi i progressi non arrivano subito o sono molto pochi. In queste situazioni può venire a mancare la motivazione con il possibile conseguente abvandono dell’obiettivo.
Mantenere quindi la motivazione e la concentrazione sull’obiettivo sono aspetti molto importanti per la buona riuscita del piano.
Cercare ispirazione per il proprio cambiamento ni modelli di comportamento (amici, parenti, personaggi famosi, personaggi fantastici) che possiedono le caratteristiche alle quali  aspiriamo o in storie e situazioni di persone che hanno superato le avversità può essere utile. Può aiutare trovare motivazione e ispirazione in immagini e metafore positive, come ad esempio pensare a se stessi come ad un albero robusto che resiste alle avversità climatiche.
Un altro atteggiamento che può migliorare e sostenere la motivazione è concentrarsi sui vantaggi e sul rapporto costo/benefici che il raggiungimento dell’obiettivo comporta.
Infine può venire in aiuto segnare i progressi raggiunti per capire a che punto si è  del percorso e avere quindi una visione chiara del grande cambiamento che si sta mettendo in atto per se stessi e per il proprio benessere.

Condividi

Articolo precedente
Ipocondria. Che cos’è l’ansia per la propria salute.
Articolo successivo
Come superare l’ipocondria
Menu