Training di rilassamento muscolare progressivo (per ridurre ansia e stress)

Il training di rilassamento muscolare progressivo viene utilizzato nel trattamento dell’ansia e in tutti quei casi in cui la persona sente eccessivo stress e tensione muscolare. L’ansia e lo stress, infatti, sono
caratterizzati oltre che da una dimensione emotiva anche da una forte componente fisiologica, come l’aumento della tensione muscolare e della frequenza cardiaca e respiratoria.
L’obiettivo primario del rilassamento muscolare progressivo è di inibire lo stato ansioso e i sintomi fisici correlati ad esso attraverso una sequenza di semplici esercizi motori che prevede la contrazione e il successivo rilassamento di alcuni gruppi muscolari.

Effettuando un training di rilassamento, la persona imparerà la differenza tra la tensione e il rilassamento fino ad arrivare a percepire ogni minima contrazione di un muscolo in modo da distenderlo.

La finalità del lavoro è offrire un valido e pratico strumento per riuscire a rilassarsi quando ci si trova in situazioni di ansia, stress e tensione.

OBIETTIVI DEL TRAINING

  • Apprendere uno strumento valido ed
    efficace per la gestione dell’ansia.
  • Ridurre il livello di stress e tensione
  • Produrre ripercussioni positive nella
    quotidianità (sul sonno, sulla gestione
    dello stress, sulla concentrazione)

A CHI SI RIVOLGE

Il training si rivolge a chi:

  • vive stati di ansi
  • conduce una vita stressante
  • desidera affrontare con più calma le situazioni di vita quotidiana private e lavorative.

Al termine del training verrà

Il training si articola in 4 incontri a cadenza settimanale su appuntamento da concordare.
Il training ì individuale e  può essere effettuato sia in studio che online (su piattaforma skype o whatapp).  Gli incontri hanno una durata di 45 minuti.

La quota di partecipazione è di 100 euro.

Per informazioni su disponibilità e per prenotare il trainig contattare il numero 3388765016 o inviare una mail a drpaolapantaleo@gmail.com

Condividi

Articolo precedente
Come superare l’ipocondria
Menu