La cassetta degli attrezzi per migliorare la propria autostima

Una bassa autostima può ostacolare il percorso verso i nostri sogni ed obiettivi. Avere una scarsa autostima vuol dire smettere di credere in noi stessi, nelle nostre risorse e capacità, e quando ciò accade il mondo esterno e le persone che ci circondano iniziano a prendere decisioni al nostro posto. Scelte che spetterebbero solamente a noi.

Avere una buona autostima e fiducia in sé rappresenta il primo passo per affrontare al meglio le sfide quotidiane e fare il nostro meglio per raggiungere i nostri obiettivi più ambiziosi ed importanti per noi.

Per fortuna, il nostro livello di autostima non è scritto nel nostro DNA. Per fortuna, perché in questo modo è possibile imparare a rispettarsi sempre di più, a riconoscere i propri limiti e apprezzare i propri pregi.

Cosa deve contenere la propria cassetta degli attrezzi per raggiungere un buon livello di autostima.

Completa un’attività

Il primo “attrezzo” utile a ritrovare la fiducia in noi stessi è l’azione. Avere un obiettivo e compiere le azioni utili per raggiungerlo permettevi rimanere focalizzati su di sé e su ciò che si sta facendo. Ecco come fare:

  • Definire un piano di attività giornaliero. Dare alle proprie giornate, completare le attività e raggiungere piccoli obiettivi quotidiani accrescerà il seso di efficacia personale e l’autostima.
  • Rimanere nel presente ed agire nel qui ed ora. Lasciamo il passato nel passato e preoccupiamoci del futuro quando arriverà.
  • Smettere di posticipare. Cosa succede se non mantieni le promesse fatte agli altri? Non si fideranno più di te. Evitare di posticipare e rimandare le promesse fatte a te stesso permetterà di mantenere e aumentare la fiducia in se stessi.
  • Affrontare le paure. La paura è un’emozione naturale e utile, ed affrontarle può renderci delle persone più coraggiose e soddisfatte. Cerchiamo di non vedere le paure come dei limiti, bensì delle occasioni per crescere.

Prepararsi

Dedicare del tempo alla preparazione e allenarsi quotidianamente è molto importante perché ci rende più pronti ed adeguati alla situazione. Più ci sentiamo preparati e competenti più diminuirà il disagio. Pensiamo ai primi tempi in cui abbiamo iniziato a praticare uno sport o a guidare l’auto e pensiamo a come ci sentiamo ora a distanza di tempo e di pratica?

Avere un atteggiamento nuovo rispetto al fallimento

Vedere il fallimento come qualcosa di circoscritto,  cioè legato all’azione o alla scelta  intrapresa. Non deve, infatti, andare ad intaccare il valore personale e globale di sé. Inoltre leggere gli insuccessi come una risorsa anziché come un limite vuol dire interpretare quanto accaduto attraverso una nuova prospettiva. Certo, questo non è un passo semplice, ma molto importante e necessario al superamento del fallimento.

Essere più consapevoli di se stessi

Avere maggiore consapevolezza di sé, dei propri pensieri, emozioni e sensazioni è davvero uno strumento importante ed efficace per imparare ad avere maggiore fiducia e stima. Cosa può essere utile? Prendersi del tempo per sé e capire cosa ci succede dentro, scrivere un diario, parlare e confrontarsi con gli amici più cari possono ad esempio essere dei buoni metodi per iniziare questo percorso di conoscenza di sé.

Condividi

Articolo precedente
La dipendenza da lavoro: cos’è e quali sono le conseguenze
Articolo successivo
Le manifestazioni fisiche dell’ansia e come riconoscerle.
Menu